CHIUDI

CHIUDI


Volvo


Home > Volvo

Cerca un codice

C L O S E
Trattiamo ricambi originali e a disegno disponibili a magazzino salvo il venduto.
Sarete seguiti al bisogno dalla scelta del ricambio corretto fino al montaggio.
Consegne brevissime. Spediamo ovunque.

Richiedi Informazioni













Quanto fa 7 più 4 ?

Breve storia.

La Volvo fu fondata a Göteborg, in Svezia, nel 1927 come sussidiaria della SKF, fabbrica produttrice di cuscinetti a sfera, dai due soci Assar Gabrielsson e Gustav Larsson.
Il marchio Volvo fu registrato per la prima volta dalla SKF l'11 maggio 1915 con l'intenzione di utilizzarlo per una serie speciale di cuscinetti a sfera da esportare nel mercato americano, ma non venne mai utilizzato.
Venne ripreso nel 1927 per le automobili, dal momento che il termine latino "volvo", termine indicante movimento, dinamicità, poteva adattarsi molto bene anche alla produzione di autovetture.
Il nome Volvo deriva dal latino volvere (rotolare, scorrere) e venne scelto in quanto uno dei due soci fondatori aveva lavorato per la fabbrica di cuscinetti a sfera SKF, che divenne uno dei loro primi clienti.
Il simbolo Volvo rappresenta l'antico simbolo alchemico del ferro, scelto per simboleggiare la resistenza dell'acciaio di ottima qualità utilizzato in Svezia per la produzione di auto.
La linea diagonale, attraverso la griglia, fu adottata poco dopo per fissare il simbolo attuale al radiatore.
Fin dagli albori al centro delle attenzioni della Volvo c'era la sicurezza.La prima autovettura Volvo venne prodotta il 14 aprile 1927, e venne chiamata ÖV 4.
La produzione continuò con automobili progettate per resistere alle dure condizioni climatiche ed ambientali svedesi.

In seguito il gruppo Volvo si espanderà in altri settori, come gli autocarri (oggi Volvo è il secondo produttore al mondo di autocarri pesanti), autobus, macchinari per l'edilizia, trattori agricoli, motori marini, ecc.
Nel 1964 la Volvo aprì la fabbrica di Torslanda, ancora oggi uno dei suoi più importanti impianti di produzione, dove vengono assemblati i fuoristrada e le auto di classe elevata.
Nel 1965, venne aperto un impianto di produzione a Gand (Belgio), attualmente il secondo impianto della Volvo per importanza, dove vengono prodotte principalmente le auto di fascia medio bassa ed alcune delle più importanti numericamente.
Gli inizi degli anni settanta segnarono eventi importanti nella storia aziendale, con l'acquisto, nel 1975, del comparto costruzione automobili dell'olandese DAF e con la firma di una joint-venture con Peugeot e Renault per la progettazione e costruzione di un motore di successo, il PRV, adottato poi da molte altre auto, ad esempio l'italiana Lancia Thema.
Nel 1989, venne aperto un nuovo impianto a Uddevalla, in cooperazione con la Pininfarina, dove vengono principalmente prodotte le auto di nicchia.
Nel 1999 il gruppo Volvo vende la sua divisione autovetture al gruppo Ford Motor Company.
Dall'inizio del 2009 cominciarono a circolare voci sulla vendita da parte della Ford ad una delle aziende cinesi del settore automobilistico.
Nel dicembre 2009 è stata diffusa la notizia che Ford e la cinese Geely hanno trovato un accordo per la vendita stessa, da perfezionarsi nel primo trimestre del 2010.
L'annuncio ufficiale della cessione è stato rilasciato da Ford il 28 marzo 2010 e dovrebbe essere perfezionato entro il terzo trimestre 2010; l'accordo di cessione prevede il pagamento a Ford di 1.8 miliardi di dollari in contanti.
La Commissione Europea e il ministero del commercio cinese approvano l'accordo in Luglio 2010.
In agosto 2010, Geely compie la più grande acquisizione oltremare per un'azienda automobilistica cinese.
Stefan Jacoby, ex amministratore delegato in Volkswagen America, diventa presidente e amministratore delegato di Volvo Car Corporation il 16 agosto 2010, sostituendo Stephen Odell, che era amministratore delegato di Ford Europe.
Li Shufu diventa presidente del consiglio di amministrazione di Volvo Cars.
Nel 2012 Håkan Samuelsson, ex presidente della società tedesca MAN, diventa nuovo presidente di Volvo Cars.

Fonte: wikipedia